Latest News

DA SETTEMBRE 2020: GRAZIANO ROMANI - Augusto: omaggio alla voce dei Nomadi


PRE-ORDINA L'ALBUM "AUGUSTO" DAL SUBITO AL 31 AGOSTO E RICEVERAI A SETTEMBRE IL CD AUTOGRAFATO DA GRAZIANO ROMANI E UNA CANZONE INEDITA CHE TI VERRÀ INVIATA VIA MAIL

 

Graziano Romani - Cover CD Augusto: Omaggio alla voce dei Nomadi

“Dalla piazza di Novellara fin dove arriverà la strada, se chiudi gli occhi è quasi America…”

Augusto - omaggio alla voce dei Nomadi, il ventiquattresimo album di Graziano Romani pubblicato tra band (The Rocking Chairs, Megajam 5) e una corposa carriera solista, inizia e si conclude con queste parole.

"Augusto cantaci di noi", composta da Romani a metà anni Novanta, poi inclusa nell'album Storie dalla Via Emilia del 2001, il secondo disco solista in italiano dell'artista di Casalgrande (RE) era un personale, piccolo omaggio ad Augusto Daolio. Un altro passo verso questo album datato 2020, che si presenta oggi come un compiuto, importante e davvero sentito tributo a una delle voci più significative della musica d'autore e del rock Made in Italy.

La canzone, in una nuova versione, e in un remake acustico, incornicia le altre composizioni scelte per "Augusto".

"Da ragazzino riuscii a vederli dal vivo, sul palco di qualche festa dell’Unità o di piazza, del mio paese e della mia provincia" - ricorda così i Nomadi Romani nelle note introduttive del disco - "e non posso evitare di pensare che quella passione, quella condivisione e che quelle emozioni sprigionate da quel grande palco, e quella musica abbiano positivamente contribuito a far crescere in me il desiderio di diventare io stesso un musicista".

Romani ha pescato nel repertorio dei Nomadi con grande amore verso gli anni Sessanta in cui è stato bambino e per quello scampolo di anni Settanta in cui iniziava a crescere in lui il desiderio di fare musica.

Sappiamo come a Daolio sia sempre piaciuto interpretare e fare suoi i brani di altri, che si trattasse di Guccini o di artisti d’oltremanica e d’oltreoceano, che fosse Bob Dylan o Elton John, che fossero i Kinks, i Beach Boys o i Procol Harum.

Romani ha composto duecento canzoni ma non ha mai perso l'amore per le reinterpretazioni, nei suoi album e dal vivo. Questo disco gli è venuto in maniera più che naturale. Ed è rafforzato da quella passione per i Nomadi e per il pop internazionale che anche Daolio cantava con trasporto e generosità.

"Questo omaggio", sottolinea Romani, "è dedicato alla figura di Augusto non solo come cantante, ma guarda anche al poeta, all'artista, al pittore e al narratore per immagini". Augusto Daolio amava visceralmente l’arte, e quindi anche la nona arte ovvero il fumetto, una passione che ha visto Romani cimentarsi anche in interi album dedicati agli eroi del fumetto come Tex, Zagor e Diabolik. Concept che hanno impreziosito e diversificato la sua discografia.

Questo disco, che segue A Ruota Libera / Freewheeling, ed è il quarto consecutivo realizzato in partnership con l'etichetta Route 61 Music, approccia il repertorio dei Nomadi con rispetto e sincerità.

Il ragazzo di Casalgrande che scrutava da lontano la band di Novellara e che nel farsi musicista è arrivato a registrare dischi in America con musicisti affermatissimi come Chris Spedding, Sonny Landreth, Robert Gordon, Elliott Murphy, Willie Nile e gli Uptown Horns (sezione fiati dei Rolling Stones), ha compiuto un viaggio all'interno della musica popolare italiana e, in parallelo, in quell'universo che, al pari di quello ascrivibile a Daolio, Guccini, Calabrese, Mogol, tutti nomi che hanno a che fare con la storia dei Nomadi qui cantata, lo ha influenzato.
Perché tra "Canzone per un'amica" e "Gordon", pietre miliari del nostro pop cantautorale, vivono le vivacissime e acute trasposizioni nella nostra lingua di "Sixty Years On" di Elton John, (che qui è "Ala Bianca"), di "Wichita Lineman" di Jimmy Webb ("L'auto corre lontano") e di "I want you" di Bob Dylan ("Ti voglio").

Echi del Progressive si odono quando il fido Max Marmiroli (con Romani dai tempi dei Rocking Chairs) posa il sassofono per dedicarsi al flauto, vibranti ballate ("Canzone per un'amica") rimandano al blue collar rock americano e hanno il linguaggio della storica band di Romani il cui sound era tutt'uno con la sua voce a tinte soul. Complesse sono le strutture che rimandano inevitabilmente agli anni Settanta e frizzanti gli accenni al beat dei Sessanta ("Ti voglio").

Questa mescolanza di suggestioni rende "Augusto" un progetto multiforme, forse il più vario della produzione di Romani, l'ex ragazzino che puntava il naso verso il palco dei Nomadi e rimaneva a bocca aperta quando Augusto Daolio cantava quelle canzoni di pace, forza, amore e resistenza che oggi ritornano a noi, attraversate dal tempo.

 

 

 

DA LUGLIO 2020: GRAZIANO ROMANI canta BOB DYLAN (con un occhio ai Nomadi)

Graziano Romani copertina singolo Luglio 2020

Il nuovo singolo di GRAZIANO ROMANI, "Ti voglio", è disponibile da oggi su iTunes.
Graziano ha ultimato un album importante che conterrà questo singolo e il precedente, "Canzone per un'amica" di Francesco Guccini, uscito nel giorno dell'80o compleanno del suo autore.
"Ti voglio" si traduce facilmente in inglese. Diventa "I want you" e scopre da dove arriva la canzone: il Bob Dylan elettrico e visionario di Blonde On Blonde, omaggio a quegli anni Sessanta.
La incisero in italiano i Nomadi, cantando nel 1967 un testo scritto da Giorgio Calabrese, che era reduce da capolavori come "Arrivederci" (Umberto Bindi), "E se domani" (Mina), e "La ragazza di Ipanema" (Caterina Valente/Bruno Martino).
Non è la prima volta che Graziano Romani interpreta Bob Dylan. Incise "It's all over now baby blue" nel 1988 e la pubblicò come bonus track nella versione in cd di New Egypt, l'album di esordio della sua prima band, The Rocking Chairs.
Si è ripetuto con i Megajam 5 nel 1997, insieme ai quali realizzò "Simple twist of fate" per l'unico album pubblicato da quel supergruppo che comprendeva anche elementi di Rats e Ritmo Tribale.
Da solista, Romani ha cantato nuovamente Dylan nel 2008 in Between trains: in quell'occasione pescò "Don't fall apart on me tonight" da Infidels infondendogli un po' di soul.
Una carriera discografica che ogni dieci anni, o giù di lì, omaggia il Maestro Dylan, anche dal vivo.
Oggi l'artista emiliano si ripete, scegliendo sorprendentemente una canzone in italiano, del Dylan tradotto. E questo finisce con lo svelare che l'album in arrivo sarà tutto nella nostra lingua e che l'inglese questa volta può aspettare.
A giorni per conoscere tutto - data di uscita, copertina, ispirazione e track list - del ventiquattresimo album (tra band e carriera solista) di questo songwriter che ama cantare le canzoni degli altri.
Ecco il link per acquistare il brano subito su iTunes . Dal 30 Luglio tutte le altre piattaforme digitali.

 

 

 

DA GIUGNO 2020: GRAZIANO ROMANI canta I NOMADI e FRANCESCO GUCCINI.

Graziano Romani copertina singolo Giugno 2020

Il nuovo singolo di GRAZIANO ROMANI, "Canzone per un'amica", è disponibile da oggi su tutte le piattaforme digitali. Acquistalo subito e sostieni il nostro impegno.
Graziano sta lavorando da mesi a un album bello e importante che conterrà la canzone e di cui vi daremo anticipazioni a brevissimo. "Canzone per un'amica" è una tra le più belle composizioni della musica d'autore italiana e noi di Route 61 Music abbiamo deciso di lanciarla proprio oggi, nel fine settimana del 13 e del 14 giugno. Il 13 giugno 1963 nascevano di fatto i Nomadi (fino a quel momento i Monelli). Il gruppo, capeggiato da Augusto Daolio e Beppe Carletti, debuttava al Frankfurt di Riccione, dove avrebbe tenuto 77 concerti per tutta la stagione estiva. "Canzone per un'amica" è anche il saluto a Francesco Guccini, il suo autore, che domani, 14 giugno, festeggia gli 80 anni. La canzone è legata indissolubilmente a queste due realtà artistiche italiane: Nomadi e Francesco Guccini. Graziano Romani, a modo suo, con un sound riconoscibilissimo e molto legato al suo percorso di songwriter all'interno dei Rocking Chairs e come solista, celebra la canzone e la storia di artisti che lo hanno preceduto in una terra, l'Emilia Romagna, che è anche la sua e che tanto ha dato alla musica italiana. Stay tuned! Ecco i link per acquistare il brano su iTunes , su Amazon , su Google Play e TIDAL e sul vostro digital store preferito.
Ascolta la preview del singolo

 

 

 

DA MARZO 2019: GRAZIANO ROMANI TOUR.

Graziano Romani w/Band 2019

Torna a Roma con la sua band il 16 Marzo dopo molti anni Graziano Romani, rocker emiliano dalla carriera trentennale. L'ex leader dei Rocking Chairs nonché titolare di alcuni album dedicati agli eroi del fumetto, sabato 16 marzo presenterà al Lov Music Club in Via di Libetta 7/13 (ore 21,00) il suo nuovo cd "A Ruota libera - Freewheeling".



L'ultima produzione Route 61 Music, un disco di duetti impregnati di folk e rhythm'n'blues realizzati con un gran numero di amici di musica tra cui i Gang, l'ex voce dei Modena City Ramblers Cisco, Andy White, i Cheap Wine, Ritmo Tribale e Arianna Antinori. Romani è in tour e sta visitando altre città d'Italia, dove i suoi "amici" passano a duettare con lui e la sua band quando si trovano in zona.

 

 

 

AUTUNNO 2018: DUE USCITE IN CONTEMPORANEA, ANCORA AL FIANCO DEI SONGWRITERS.

Graziano Romani 2018 FRONT COVER

Chris Cacavas 2018 FRONT COVER

GRAZIANO ROMANI si presenta con "A ruota libera / Freewheeling", il primo album di duetti della sua lunga storia discografica e si fa affiancare da nomi come Gang, Cheap Wine, Ritmo Tribale, Cisco (ex Modena City Ramblers), Andy White, Carolyne Mas e altri. Acquistalo subito cliccando qui per il vinile e qui per il CD.

CHRIS CACAVAS, storico componente dei Green On Red e attuale tastierista dei Dream Syndicate, pubblica "An acoustic evening with Chris Cacavas", un album live registrato in Italia e ripercorre la sua lunga carriera solista aggiungendovi una bellissima cover di John Hiatt ("Lipstick sunset"). Clicca qui per acquistarlo.


Due uscite di qualità, distribuite da BTF.


I prodotti fisici (cd in digipack con booklet 32 pagine e vinile colorato clear blue da 140 grammi per Romani, cd in digipack con booklet 12 pagine per Cacavas - sono ordinabili sul nostro sito.


LE NUOVE USCITE ROUTE 61 MUSIC ORA NEI MIGLIORI NEGOZI DI DISCHI, SU AMAZON, ITUNES , GOOGLE PLAY, TIDAL E TUTTI GLI ALTRI STORE DIGITALI.

 

 

 


Snippets

 

AnteprimaGRockol

Route 61 Music su Rockol! Elliott Murphy unplugged, per un brano suggestivo e con una bella storia di vita rock vissuta. Il musicista si è prestato a regalarci questa versione speciale, registrata in video appositamente per Rockol!

AnteprimaGRockol

Graziano Romani ha eseguito per Rockol una cover #nofilter di "Lift Me Up", brano registrato da Bruce Springsteen nel 1999 per il film "Limbo" di John Sayles!

 

 

AnteprimaGRockol

Route 61 Music su Rockol! Elliott Murphy unplugged, per un brano suggestivo e con una bella storia di vita rock vissuta. Il musicista si è prestato a regalarci questa versione speciale, registrata in video appositamente per Rockol!

AnteprimaGRockol

Graziano Romani ha eseguito per Rockol una cover #nofilter di "Lift Me Up", brano registrato da Bruce Springsteen nel 1999 per il film "Limbo" di John Sayles!

AnteprimaGRockol

Route 61 Music su Rockol! Elliott Murphy unplugged, per un brano suggestivo e con una bella storia di vita rock vissuta. Il musicista si è prestato a regalarci questa versione speciale, registrata in video appositamente per Rockol!

AnteprimaGRockol

Graziano Romani ha eseguito per Rockol una cover #nofilter di "Lift Me Up", brano registrato da Bruce Springsteen nel 1999 per il film "Limbo" di John Sayles!

AnteprimaGRockol

Route 61 Music su Rockol! Elliott Murphy unplugged, per un brano suggestivo e con una bella storia di vita rock vissuta. Il musicista si è prestato a regalarci questa versione speciale, registrata in video appositamente per Rockol!

AnteprimaGRockol

Graziano Romani ha eseguito per Rockol una cover #nofilter di "Lift Me Up", brano registrato da Bruce Springsteen nel 1999 per il film "Limbo" di John Sayles!

Il nostro catalogo

Catalogo 5Yrs thumb

logoSiamo nati nel 2010. Volevamo dare un seguito a For You – a tribute to Bruce Springsteen che era uscito nel 1995 e che aveva raccolto intorno alle canzoni dell'autore del New Jersey nomi diversi tra loro come Rossana Casale e Circo Fantasma, Luca Barbarossa e Flor, Io vorrei la pelle nera (il gruppo soul del papà di Giorgia) e Chicken Mambo.
Era ancora vivo il grande amico, giornalista e musicista Ernesto De Pascale, che si era prodotto insieme all'ex Litfiba Roberto Terzani in una versione techno-soul di “The Fever”, un brano che all'epoca Springsteen non aveva ancora pubblicato ufficialmente a suo nome (lo avrebbe fatto tre anni dopo nel cofanetto Tracks).
Dietro quella raccolta di canzoni e artisti operavano anche turnisti e produttori come Vincenzo Mancuso (De Gregori), Daniele Sepe, Art Labriola (Elliott Murphy Band), Marco Rinalduzzi (Venditti) e Kenny Margolis (Wille De Ville band). Energia e musica che arrivavano da direzioni diverse. Ci piace molto.

E' così arrivato For You 2, proponendo un'altra varietà di nomi, scelti secondo una diversa logica: volevamo raccontare che in Italia esiste una scena di rock-roots che si ispira prevalentemente all'America, e così per quel progetto di rinnovata passione per il repertorio del Boss abbiamo coniato la definizione “Americana made in Italy”. L'omaggio-bis spiegava proprio questo, attraverso interpretazioni di Modena City Ramblers, Brando, Lowlands, Daniele Tenca, Cheap Wine, Daniele Groff e altri. Tra loro anche Massimiliano Larocca e Andrea Parodi, freschi reduci dall'album Chupadero, firmato come Barnetti Bros, supergruppo che includeva anche Massimo Bubola e Jono Manson, oggi produttore dei Gang. Un brano tratto dalle Seeger Sessions di Springsteen vedeva impegnato in For You 2 anche Marino Severini, voce e anima proprio dei Gang.

(Continua...)